2 giugno Festa della Repubblica: gli eventi a Roma

Nonostante le polemiche e le difficoltà intorno alla formazione del nuovo governo, l’Italia – e quindi la città di Roma – si appresta a celebrare l’annuale Festa della Repubblica. Durante tutta la giornata del 2 giugno si succederanno eventi, istituzionali e culturali, atti a celebrare la scelta referendaria del 1946 che portò alla formazione, appunto, della Repubblica rispetto alla Monarchia.

Il programma

L’evento principale, quello istituzionalmente più importante, si terrà prima all’Altare della Patria, dove il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella deporrà una corona d’allora, poi presso Via dei Fori Imperiali dove si svolgerà la tradizionale parata militare, parte integrante del protocollo della cerimonia pubblica. Al termine della parata il tradizionale volo sulla città di Roma delle Frecce Tricolore, uno degli appuntamenti più attesi, anche a livello scenografico, dai romani e dai turisti.

Dalle ore 15:00 alle ore 19:00 sempre di sabato 2 giugno i giardini del Palazzo del Quirinale saranno aperti al pubblico e all’interno si potranno seguire diverse esibizioni musicali, tenute dalle bande dei diversi corpi militari nazionali (Marina Militare, Aeronautica, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Carabinieri, Corpo Forestale e Polizia penitenziaria).

Informazioni utili

Tutti i luoghi coinvolti dal passaggio della parata del 2 giugno in occasione della Festa della Repubblica saranno chiusi al traffico e soggetti ad elevati controlli di sicurezza. Dalle ore 4:00 alle ore 14:00 le strade coinvolte saranno completamente chiuse al traffico, con conseguenti deviazioni dei percorsi delle linee dei mezzi pubblici interessati. Sul sito ufficiale del Comune di Roma l’ordinanza con il piano del trasporto dettagliato.

Giardino di Monk

In occasione della Festa della Repubblica del 2 giugno dalle ore 12:00 sarà possibile accedere al MONK-Circolo Arci (in Via Giuseppe Mirri 35) dove seguire diversi momenti di festa e svago, organizzati da Radio Rock. Il programma prevede diversi eventi e spazi dedicati sia ai bambini che agli adulti durante i quali divertirsi e trascorrere piacevolmente la giornata di festa.

Come e perché Roma divenne capitale

Il 2 giugno è la Festa della Repubblica ed è l’occasione per conoscere gli eventi e le ragioni della nostra storia che hanno determinato tanti fatti di cui, anche a distanza di anni, dobbiamo confrontarci e non è possibile ignorare. La città di Roma è capitale d’Italia così come stabilito espressamente dalla Costituzione Italiana che all’articolo 114 comma 3 recita “Roma è la capitale della Repubblica. La legge dello Stato disciplina il suo ordinamento”.

L’unità d’Italia è del 1861 quando, formalmente, venne proclamata tale dal Re Vittorio Emanuele II che sancì l’unificazione del Paese. Nonostante la proclamazione la città di Roma viveva una situazione particolare, essendo parte dello Stato Pontificio, all’epoca governato da Papa Pio IX, l’ultimo papa re. Passarono dieci anni prima che il Regno d’Italia riuscì ad annettere anche la città di Roma, a seguito della nota Breccia di Porta Pia, che porta la data del 20 settembre 1870. Quel giorno il Papa, riconoscendo l’inutilità di uno scontro armato e per evitare l’inutile spargimento di sangue, comandò che gli zuavi pontifici fecero un’opposizione formale, per rivendicare gli oltraggi subiti. Successivamente si ritirò in Vaticano, si dichiarò prigioniero politico e si rifiutò di riconoscere il nuovo Stato.

Solo l’anno successivo, ufficialmente il 3 febbraio 1871, la capitale d’Italia fu spostata a Roma (da Firenze dove si trovava dal 1865, dopo che per i primi 4 anni fu a Torino) e da quella data lo è ancora oggi.

Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.

Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gentile Utente, ti avvisiamo che il nostro sito utilizza, oltre a cookie tecnici, anche cookie di profilazione propri e di terze parti. Ti preghiamo di leggere attentamente la nostra informativa estesa, ove ti forniamo indicazioni sull’uso dei cookie e ti viene data la possibilità di negare il consenso alla loro installazione ovvero di scegliere quali specifici cookie autorizzare. Per maggiori informazioni consulta la nostra informativa estesa sui cookie.