in

Curiosità e segreti di Roma: sicuro di conoscerli tutti?

Curiosità e segreti di Roma

A differenza di altre città, si pensa di sapere tutto su Roma. O quasi tutto. Questo perché Roma è una città particolare la cui principale identità è quella storica, quindi rivolta al passato. Se è vero che Roma vive molto dei suoi fasti antichi, la sua storia e la sua identità non si esaurisce con l’epoca imperiale. La caduta dell’impero romano, infatti, non rappresenta la morte di Roma, ma la fine di un’epoca e l’inizio di una successiva.

La storia della città eterna è piena di fasi e periodi più o meno gloriosi e la città moderna raccoglie, nei suoi monumenti, nelle sue vie e nelle sue tradizioni, tutto questo tesoro di storia e tradizioni. Una storia e un insieme di tradizioni che, inevitabilmente, è legato anche a una serie di curiosità che rendono Roma ancora più affascinante e piena di cose da scoprire.

Scopriamo alcune (non tutte, Roma è un mistero continuo e una realtà viva che quotidianamente regala novità e storie nuove da scoprire, ascoltare e vivere) delle principali curiosità su Roma, andando ad attingere dalle più interessanti lungo il corso dei secoli.

5 curiosità di Roma che devi assolutamente conoscere

Passeggiare per Roma è l’occasione per imbattersi in una serie di curiosità e segreti che bisogna conoscere per custodire e tramandare la ricchezza di questa città. Una ricchezza che non è data solamente da ciò che è visibile, ma anche e forse soprattutto da ciò che non è visibile agli occhi ma, per riprendere le note parole del Piccolo Principe, è invece essenziale.

1-Lo Street Food

Pensiamo che lo Street Food, il cibo da strada, sia una novità moderna. Niente di più sbagliato! Questa è una sfiziosa curiosità su Roma antica. Le vie della città eterna erano piene di venditori ambulanti che, sulle loro bancarelle, facevano trovare pronti per frittelle, pane e altri cibi che potevano essere gustati in movimento. Inoltre dagli scavi condotti sono emersi diversi siti di ristoranti che avevano un bancone direttamente su strada in modo che i passanti fossero sia invogliati a scegliere quelle prelibatezze che a prenderle senza doversi fermare.

2-Superstizioni nuziali

Una curiosità su Roma antica ancora oggi diffusa riguarda il matrimonio. La tradizione, infatti, vuole che i due novelli sposi, appena tornano a casa, la sposa debba entrare nella loro dimora in braccio allo sposo. Il motivo? Gli antichi romani credevano che gli spiriti maligni potevano attaccarsi alle scarpe delle spose e, attraverso di essi, entrare in casa. Da qui il rito di prendere in braccio la sposa prima di entrare a casa. Niente di romantico, dunque, ma un semplice gesto scaramantico.

3-Le ZTL

A proposito di modernità. Oggi ci si lamenta spesso – e non a torto – del traffico e dell’invivibilità di Rona. Un problema che, però, sembra atavico, tanto che già Giulio Cesare dovette affrontarlo. Siamo nel 45 a.C. quando Giulio Cesare promulgò la Lex Iulia Municipalis. Si tratta di una legge (la cui iscrizione è conservata nel Museo Archeologico Nazionale di Napoli) che comprendeva una serie di norme di carattere generale, amministrativo e sociale. Tra queste norme c’era anche quella che regolamentava il traffico di Roma impedendo ai carri merci di circolare per le strade del centro per evitare di intasarle ulteriormente. Quando ci si imbatte nelle colonnine che segnalano l’inizio di una Zona a Traffico Limitato si sappia che il primo inventore fu il grande Giulio Cesare. In quella legge, inoltre, si stabilivano norme anche per mantenere puliti i luoghi pubblici di Roma; a conferma di come, a distanza di secoli, poco sia cambiato nella cura della città da parte dei romani stessi.

4-La porta magica

Ci sono luoghi a Roma che si pensa di conoscere, ma che in realtà nascondono misteri e curiosità. È il caso della cosiddetta Porta Magica, ovvero ciò che è rimasto di un’antica villa aristocratica. Per vederla bisogna recarsi nei giardini di Piazza Vittorio (dietro la stazione Termini) dove, senza alcuna costruzione intorno, compare questa porta che, ovviamente, non conduce da nessuna parte. Come detto è il resto di una villa, quella del Marchese Massimiliano Savelli Palombara. Un luogo così particolare non poteva rimanere esente da leggende esoteriche. Infatti la leggenda narra che da questa porta passò, durante una notte di forte pioggia, quando era ancora presente l’originaria costruzione in cui la porta era inserita, un medico che aveva scoperto il segreto della pietra filosofale. Per questo motivo sulla porta sono ancora visibili le incisioni della misteriosa ricetta, contraddistinta da simboli e scritte sia in latino che in ebraico.

5-Il quadro motorizzato

Tra le curiosità da vedere a Roma c’è quella del quadro di Pieter Paul Rubens. Roma ha, nei suoi palazzi, nei suoi musei e nelle sue chiese tantissimi quadri, affreschi e dipinti, ma questo è diverso dagli altri in quanto è motorizzato! Ci troviamo nella Chiesa di Santa Maria in Vallicella (nota anche con il nome di Chiesa Nuova) dove al suo interno vi è l’affresco denominato Madonna con Gesù Bambino e due angeli. Un’iconografia piuttosto diffusa nella devozione cristiana, ma che in questo caso è un unicum in quanto è coperta da un altro dipinto, una pala d’altare, quella degli Angeli in Venerazione della Madonnai.

Questa pala d’altare fu realizzata all’inizio del XVII secolo da Pieter Paul Rubens, un pittore fiammingo che si contraddistinse non solo per il dipinto in sé, ma anche per la macchina che si alza e si abbassa attraverso un meccanismo di corde e pulegge. Entrando nella chiesa, quindi, è visibile l’opera di Rubens e per vederla in azione e scoprire l’icona sottostante bisogna attendere il sabato e i giorni delle principali festività cristiane quando la macchina viene messa in azione. A proposito di curiosità: l’icona mariana “nascosta” dal quadro motorizzato è una di quelle (a Roma ce ne furono diverse) che sanguinarono dopo essere state profanate. Un luogo, questo, dove si incontrano fede, mistero, arte, tecnica e devozione.

Scritto da Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *