in

30 canzoni che parlano di Roma

Canzoni su Roma

Gli argomenti del post

Per visitare, conoscere e scoprire Roma ci sono tantissime canzoni, pop e della tradizione popolare, che raccontano la storia e la vita della romanità. Canzoni non solo di cantanti romani (anche se questi sono probabilmente la maggior parte), ma di tanti artisti che sono rimasti incantati dalla città eterna e che ne hanno voluto raccontare le emozioni nelle loro narrazioni musicali.

Le 30 migliori canzoni su Roma

Quella che proponiamo è inevitabilmente una cernita, una selezione delle principali canzoni che parlano di Roma. Molte di queste sono ampiamente note, dato il successo dei loro autori e di alcuni suoi interpreti, anche a livello nazionale e internazionale, confermando ancora una volta la meravigliosa capacità di Roma di lasciare il segno nei cuori di tutti. Abbiamo voluto lasciare spazio alle note e alle parole di queste canzoni che parlano di Roma, proponendole in ordine cronologico, da Petrolini a Ultimo, senza alcun tipo di preferenza o commento che potrebbe ridurre la bellezza di queste note. Una lunga playlist da ascoltare e riascoltare per entrare nello spirito della romanità.

Gli anni Trenta e Cinquanta

Na gita ai castelli (Nanni) – Ettore Petrolini – 1926

Guarda che sole ch’è sortito, Nannì
Che profumo de viole, de garofani e pansè
Come è tutto un paradiso, li Castelli so’ accosì

Tanto pè cantà – Ettore Petrolini – 1932

È una canzone senza titolo
Tanto pe’ cantà
Pe’ fa quarche cosa
Non è gnente de straordinario
È robba der paese nostro
Che se po’ cantà pure senza voce

Arrivederci Roma – Renato Rascel – 1954

Arriverderci Roma
Goodbye, goodbye to Rome
City of a million moonlit faces
City of a million warm embraces
Where I found the one of all the faces far from home

Gli anni Sessanta

Roma nun fa la stupida stasera – Nino Manfredi – 1962

Roma nun fa la stupida stasera
Damme na mano a faglie dì de sì
Scegli tutte le stelle più brillarelle che voi
E un friccico de luna tutta pe noi

La società dei magnaccioni – Armandino Bosco – 1962

Fatece largo che passamo noi
Sti giovanotti de’ sta Roma bella
Semo ragazzi fatti cor pennello
E le ragazze famo innamorà

Barcarolo romano – Gabriella Ferri – 1966

Er barcarolo và contro corente
E quanno canta l’eco s’arisente
Sì è vero fiume che tu dai la pace
Fiume affiatato nun me la negà

Gli anni Settanta

Chitarra romana – Gabriella Ferri – 1970

Una muta fontana
E un balcone lassù
O chitarra romana
Accompagnami tu

Roma Capoccia – Antonello Venditti – 1972

Vedo la maestà der Colosseo
Vedo la santità der cupolone
E so’ più vivo e so’ più bbono
No, nun te lasso mai
Roma capoccia der monno ‘nfame

Porta Portese – Claudio Baglioni – 1972

C’è la vecchia che ha sul banco
Foto di Papa Giovanni
Lei sta qui da quarant’anni o forse più
E i suoi occhi han visto re
Scannati ricchi ed impiegati
Capelloni, ladri, artisti e figli di

Roma Roma – Antonello Venditti – 1975

Roma Roma Roma
Lassace cantà
Da ‘sta voce nasce un coro
So’ centomila voci
C’hai fatto ‘nnamorà

Gli anni Ottanta

Te c’hanno mai mandato – Alberto Sordi – 1981

Me saro’ chiesto cento, mille volte
Io che nun so ne’ re ne’ imperatore
Che ho fatto pe’ trovamme ‘sta regina ner letto,
Fra le braccia in fonno ar core
E datosi che sei cosi’ preziosa
Stasera io te vojo di’ ‘na cosa

Roma spogliata – Luca Barbarossa – 1981

Roma puttana quattro dischi, un gatto, una serata strana
Roma spogliata dei suoi tanti amori, dei suoi vecchi fiori
Roma fatata lasciami cantare una serenata

Vacanze romane – Matia Bazar – 1983

Ma piove il cielo sulla citta’
Tu con il cuore nel fango
L’oro e l’argento, le sale da the
Paese che non ha piu’ campanelli

C’è un cuore che batte – Antonello Venditti – 1986

Io esco di casa
Ed è già mattino
E Villa Borghese
È ancora un giardino
C’è un fiume che passa
Nel cuore di Roma

Via Margutta – Luca Barbarossa – 1987

Sta cadendo la notte
Sopra i tetti di Roma
Tra un gatto che ride e un altro che sogna
Di fare l’amore.

Gli anni Novanta

Grazie Roma – Antonello Venditti – 1992

Dimmi cos’è
Che ci fa sentire amici anche se non ci conosciamo
Dimmi cos’è
Che ci fa sentire uniti anche se siamo lontani
Dimmi cos’è, cos’è
Che batte forte, forte, forte in fondo al cuore
Che ci toglie il respiro
E ci parla d’amore

Strade di Roma – Michele Zarrillo – 1997

Non ti accorgi di un uomo
Che adesso cammina da solo
In questa sera che soffia
Silenzio e nostalgia
Oramai non c’è proprio
Nessuno sulla via

Lasciarsi un giorno a Roma – Nicolò Fabi – 1998

Lasciarsi un giorno
Lasciarsi un giorno a Roma
Un giorno lasciarsi
E poi dimenticarsi

Il cielo su Roma – Colle der Formento – 1999

Per molti un vanto, riflessa nello specchio dei negozi
Persa in mille vizi, troppi pezzi, troppi palazzi
Mille facce, mille storie, mille volti
Hai giurato ma alla fine poi ti scordi

Dal 2000 a oggi

Baustelle – Cinecittà – 2000

È la vita, è che siamo nudi, è la scena solita
La la la la, è la dolce vita
È la sera a cena, è Morricone, è che noi siamo così
La la la la, è la bossanova

Roma di notte – Tiromancino – 2000

Cammino cinque passi avanti alle intenzioni
Cinque passi avanti alla pronuncia del mio nome
Cinque passi nel delirio della capitale
Cinque passi nel futuro per tornarlo a raccontare
Adesso sta a ascoltare

Per le strade di Roma – Francesco De Gregori – 2006

 

E a tocchi a tocchi una campana suona
Per i gabbiani che calano sulla Magliana
E spunta il sole sui terrazzi della Tiburtina
E tutto si arroventa e tutto fuma
Per le strade di Roma

Venite tutti a Roma – Alex Britti – 2009

Roma, al centro dell’Italia mia
Qui ognuno può dire la sua
Qui c’è il governo che ti guarda
E ci sta il papa sotto casa tua

Roma (che non sorridi quasi mai) – Zero assoluto – 2009

Sara che non sorridi quasi mai
Ma quando poi lo fai
Vale un’estate intera
Vale una luna piena
Accesa sui gradini
Di Trinità dei Monti

Bar della rabbia – Mannarino – 2009

Ma mò che viene sera e cè il tramonto
io nun me guardo ndietro… guardo er vento.
Quattro ragazzini hanno fatto nastronave con
npò de spazzatura vicino ai secchioni, sotto
le mura dove dietro nun se vede e cè naria
scura scura.

Piangi Roma – Baustelle – 2009

Piangi Roma, muori amore
Splendi sole da far male
Ho già fatto le valigie
Ma rimango ad aspettare

Roma – Renato Zero – 2010

È bello respirarti.
Difenderti, sevirti.
E ringraziamo il cielo che ci sei…
Che ancora sai stupirci.
Sei fragile ed eterna.
sei umile e superba.
con tutti i figli generosa sei.

Corso Trieste – I cani – 2013

Padri stanchi tornano a casa dal lavoro in moto
È quasi buio, soltanto luci verdi e rosse ed arancioni e gialle
E sotto gli alberi non fanno luce neanche quelle
Ho 15 anni e con le mani in tasca sto tornando a casa anch’io
E in faccia ho freddo mentre sotto alla mia giacca sudo

L’eternità di Roma – Virginia Miller –2013

Vittime e carnefici
Demoni e pontefici
Polvere su polvere
Di polvere di secoli

Poesia su Roma – Ultimo – 2019

È un pranzo a casa mia co’ l’amici de ‘na vita
Quelli che perdono a tressette e se la pijano co’ la sfiga
Voi sta tranquillo, senza troppe cianfrusaglie
Te casca er mondo sulle spalle, e trovi forza dentro a un “daje”

Written by Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *