in

Roseto comunale di Roma: aperture gratuite fino al 17 giugno

Roseto comunale di Roma

Dal 21 aprile scorso, giorno nel quale si sono celebrati i Natali di Roma, ha riaperto al pubblico il Roseto comunale di Roma, un luogo prezioso da visitare per l’immenso valore storico e botanico di questo posto, ma anche per l’enorme fascino e bellezza che esso suscita in tutti i visitatori. I romani attendono con fermento, così come i turisti che visitano la capitale, le aperture del Roseto comunale di Roma. Esso infatti non è aperto tutto l’anno, ma solamente durante il periodo delle fioriture; quest’anno tale periodo si protrarrà fino al prossimo 17 giugno. Un’occasione da non farsi sfuggire.

Il Roseto comunale di Roma

Ai piedi del colle Aventino sorge il Roseto comunale di Roma, un luogo suggestivo anche per la vista sulla città che offre, con squarci unici e di rara bellezza. Questo luogo è stato fondato nel 1932 ma in un altro sito, sul Colle Oppio, che però venne distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale e nel 1950, con il consenso della Comunità Ebraica di Roma che qui prima aveva il proprio cimitero (poi trasferito al Verano) venne aperto il nuovo roseto. Per questo motivo agli ingressi del roseto è presente una stele che commemora il precedente utilizzo di questo suolo. Inoltre un occhio attento potrà anche registrare la particolare conformazione dei viali interni del roseto che ricordano la Menorah (il tipico candelabro ebraico).

Cosa vedere

All’interno del Roseto comunale di Roma sono presenti oltre 1100 rose, provenienti da diversi Paesi del mondo. Il roseto è suddiviso in due zone: quella superiore è destinata ad ospitare le collezioni di rose botaniche, da quelle più antiche a quelle più moderne; mentre la parte inferiore ospita le rose che partecipano al concorso Premio Roma per le Nuove Varietà di Rose e tutti gli esemplari che dal 1933 (anno di fondazione di questa manifestazione) che hanno vinto il concorso.

Rose botaniche, rose Antiche e rose moderne, per un trionfo di colori, di poesia e di struggente bellezza della natura. Tantissime le varietà di rose presenti, anche quelle rarissime e spesso sconosciute. Solo per fare un esempio della grande bellezza che qui è possibile ammirare menzioniamo la Rosa Mutabilis che cambia colore sette volte in soli cinque giorni. Rose sacre, rose storiche, rose mutevoli, rose da tutte le provenienze e per tutte le occasioni; un fascinoso viaggio all’interno di un mondo estremamente variegato e per molti sconosciuto.

Costi e orari

Il Roseto comunale di Roma, sito in Via delle Valle Murcia 6, è aperto tutti i giorni, fino al 17 giugno, dalle 08:30 alle 19:30. L’ingresso è completamente gratuito ed è possibile effettuare, su prenotazione, delle visite guidate che hanno un costo di 5€ a persona durante i giorni feriali e 7€ durante i giorni festivi. Per i gruppi di più di 15 persone sono previste importanti agevolazioni, con un costo della visita di 2.5€ a persona durante i giorni feriali e 3.5€ durante i festivi. I bambini sotto i 14 anni, gli adulti oltre i 65 anni, i disabili e i gruppi scolastici hanno la visita guidata completamente gratuita.

Informazioni utili

Per ulteriori informazioni sul Roseto comunale di Roma e per prenotare le visite guidate è possibile contattare il Roseto all’indirizzo email rosetoromacapitale@comune.roma.it o telefonicamente al numero 065746810.

 

Immagine in evidenza: thanks to www.prolocoroma.it

Scritto da Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *