in ,

Obelischi di Roma: storia e curiosità

Obelischi di Roma

Può sembrare strano – e apparentemente lo è nonostante ci siano precise ragioni storiche – ma Roma è la città che ha più obelischi di tutto il mondo. La curiosità e lo stupore sorge perché l’obelisco è un tipo di costruzione tipicamente egizia, molto distante, non solo geograficamente, con la cultura e l’architettura romana, italiana o europea. Un motivo in più per intraprendere un viaggio all’interno del fantastico mondo degli obelischi di Roma che ci permetteranno anche di conoscere luoghi molto particolari della città.

Lo spiedino monumentale

Prima di passare a esaminare i singoli obelischi sparsi per le strade e le piazze di Roma è curioso conoscere l’etimologia della parola obelisco. Questa deriva dal greco obelos che indica lo ‘spiedo’ e la parola obelisco è il suo diminutivo, da qui, quindi, obelisco. Dal punto di vista monumentale l’obelisco è una costruzione celebrativa che si sviluppa in altezza e che termina con una punta piramidale (anche questo è un legame con l’Egitto).

Gli obelischi di Roma

Le precise ragioni storiche per cui sono così tanti gli obelischi a Roma sono da individuare nell’epoca dell’impero romano. A partire dall’imperatore Augusto, infatti, Roma conquisto e dominò l’Egitto, portando nella città eterna alcuni degli esemplari di obelisco presenti in Egitto. Successivamente alcuni obelischi furono realizzati direttamente a Roma degli obelischi con lo stesso materiale (il granito) utilizzato in Egitto. Molto spesso gli obelischi romani sono copia di quelli egizi ed è curioso notare come in alcuni di questi sono presenti degli errori, figli degli equivoci degli artisti che li realizzarono.

Per una sommaria classificazione degli obelischi di Roma è possibile dividerli in tre grandi macrocategorie: imperiali, papali e moderni. I primi, appunto, sono quelli dell’epoca dell’impero romano, mentre i secondi sono quelli che, a partire da Papa Sisto V, furono realizzati nell’enorme lavoro di riqualificazione urbanistica portato avanti dal pontefice. Infine, ci sono gli obelischi moderni, realizzati a partire dal XVIII secolo, spesso per ragioni diverse rispetto a quelli imperiali e moderni.

Dove vedere gli obelischi?

La domanda può apparire ovvia e banale: per vedere gli obelischi basta recarsi nelle piazze di Roma dove sono edificati. In realtà Roma detiene un primato mondiale molto curioso: è l’unica città dove, da un punto ben preciso (dove tra l’altro non sono presenti obelischi) è possibile vedere contemporaneamente ben tre diversi obelischi. È il caso dell’incrocio di Via delle Quattro Fontane.

Gli obelischi presenti a Roma

Obelischi imperiali

Obelisco del Pincio

In uno dei luoghi più belli di Roma sorge l’Obelisco del Pincio. Questa costruzione fu realizzata nel periodo dell’imperatore Adriano e originariamente era stato realizzato e sistemato in Egitto. Successivamente fu spostato a Roma ed è stato ritrovato nel XVI secolo. La sua attuale collocazione la si deve a Papa Pio VII che nel 1822 decise di sistemarlo all’interno dei giardini del Pincio.

Obelisco Vaticano

È l’obelisco che si trova in Piazza San Pietro e rientra tra gli obelischi imperiali in quanto fu portato a Roma da Caligola. Questo è l’unico obelisco antico della città a non essere mai caduto. La sua attuale collocazione risale a Sisto V.

Obelisco Sallustiano

A Trinità dei Monti sorge questo obelisco il cui nome deriva dalla sua principale collocazione: era infatti destinato alla decorazione degli Horti Sallustiani. Di origine romana, l’attuale posizione è di Papa Clemente XII che ricevette in dono l’obelisco nel 1783.

Obelisco Esquilino

Anche questo obelisco è di origine imperiale (epoca di Domiziano) e fu realizzato a imitazione di quelli egizi. Fu ritrovato solamente nel 1527 e, per volontà di papa Sisto V, collocato di fronte a Santa Maria Maggiore.

Obelisco di Montecitorio

Portato a Roma da Augusto, l’obelisco di Montecitorio crollò, dopo un incendio, e fu spostato e sistemato da Pio VI nel luogo dove si trova ancora oggi.

Obelisco Lateranense

È l’obelisco che si trova in Piazza San Giovanni in Laterano e risale al XV secolo a.C. all’epoca dei faraoni Tutmosis III e Tutmosis IV. Fu trasportato a Roma dall’imperatore Costanzo II. Fu ritrovato nel 1587 diviso in tre pezzi e ricostruito l’anno successivo nel posto dove ancora oggi è possibile ammirarlo.

Obelisco Flaminio

A Piazza del Popolo sorge l’obelisco Flaminio. Realizzato da Ramses II venne portato a Roma dall’imperatore Augusto. Fu ritrovato nel 1587 e sistemato due anni dopo.

Obelisco Agonale

Tra le particolarità della Fontana dei Quattro Fiumi di Piazza Navona c’è anche la presenza di un obelisco, detto obelisco Agonale. Realizzato sotto Domiziano ebbe diverse collocazioni fino a quella attuale realizzata da Bernini per volontà di Papa Innocenzo X.

Obelischi papali

Obelisco del Quirinale

L’obelisco di piazza del Quirinale fa parte di una celebre fontana (Fontana dei Dioscuri) e fu costruito sotto il pontificato di Pio VI nel 1786.

Obelischi moderni

Obelisco di Villa Celimontana

Questo obelisco è stato rialzato solamente nel 1820, anche se in realtà è di origine molto antica, risalente addirittura all’epoca di Ramsete II. Questo obelisco è originale solamente a metà (la parte superiore) e fa parte delle antichità della famiglia Mattei.

Obelisco di Dogali

In Via delle Terme di Diocleziano sorge l’obelisco di Dogali che proviene da Eliopoli. Ritrovano solamente nel 1883 fu spostato davanti alla Stazione Termini per commemorare i morti della battaglia di Dogali (da qui il nome). La sua attuale collocazione risale al 1925.

Obelisco di Villa Medici

Questo obelisco è una copia del XIX secolo dell’originale che dal 1790 si trova a Firenze.

Obelischi di Villa Torlonia

Del 1842 sono questa serie di obelischi, costruiti per la villa della famiglia Torlonia, realizzati in granito di Baveno.

Obelisco di Marconi

Questo obelisco fu costruito nel 1959 per celebrare i Giochi Olimpici che si tennero a Roma l’anno successivo. L’opera è dedicata a Guglielmo Marconi e si trova nel quartiere EUR.

Obelisco Novecento

Il più recente obelisco di Roma è quello costruito nel 2004 e che si trova, sempre nel quartiere Europa, davanti al Palazzetto dello Sport.

Scritto da Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments