in

Mostra Banksy: a Roma dal 21 marzo

Mostra Banksy Roma

La data del 21 marzo è da segnare sul calendario di tutti gli appassionati di arte (e non solo): al Chiostro del Bramante, infatti, partirà la mostra sulle opere di Banksy, il celebre misterioso artista inglese. Le sue opere sono note a tutti, anche se spesso non si conosce il nome dell’autore.

Chi è Bansky

Rispondere a questa domanda non è certo facile, visto che non si sa chi sia Banksy. La pagina Wikipedia a lui dedicata ci dice che si tratta di un artista e writer quarantaseienne di Bristol. Ma di queste informazioni biografiche non si ha certezza, di noto c’è invece il successo delle sue opere. Banksy è infatti uno dei principali esponenti della street art a livello internazionale, tanto che le sue opere sono apparse su muri, strade e palazzi di moltissime città in tutto il mondo. La sua vena polemica e allo stesso tempo umoristica ha appassionato e convinto tantissime persone. I temi della sua produzione artistica sono quelli della globalizzazione, il consumismo, la ricchezza, la guerra, l’ecologia, la politica e il potere, trattati in maniera anticonformistica e, probabilmente anche per questo, capace di suscitare interesse. Un interesse che dal 2000 (data della prima mostra a Bristol) a oggi è andato sempre crescendo, tanto che anche a Roma non è la prima volta che viene organizzata una mostra sulle opere di Banksy.

Banksy A visual protest

Questo il nome della mostra che si terrà a Roma dal 21 marzo al 26 luglio presso gli spazi del Chiostro del Bramante. La mostra proporrà circa ottanta delle maggiori opere che Banksy ha realizzato tra il 2001 e il 2017. Banksy A visual protest non sarà solamente la raccolta e l’esposizione di una serie di opere, ma anche un viaggio nella scoperta dell’arte moderne e delle sue tecniche di rappresentazione. Stampe, stencil, spray, acrilico, olio, tele, carte, metallo e cemento, ma anche sculture in resina e bronzo.

L’arte che unisce Banksy a Raffaello

Quest’anno, in occasione dei cinquecento anni dalla morte, saranno in programma una serie di eventi che celebreranno l’opera di Raffaello Sanzio. Chi parteciperà alla mostra Banksy A visual protest avrà l’opportunità anche di ammirare l’affresco Sibille e Angeli. L’obiettivo è quello di dimostrare come l’arte sia sempre contemporanea, anche se con più di cinquecento anni sulle spalle. L’iniziativa prendere il nome di #ARTisalwaysCONTEMPORARY. I partecipanti della mostra Banksy A visual protest, infatti, potranno accedere al primo piano del Chiostro del Bramante dal quale ammirare l’affresco che Raffaello realizzò per la decorazione della basilica di Santa Maria della Pace.

Informazioni utili

La mostra Banksy A visual protest sarà in programma dal 21 marzo al 26 luglio e sarà accessibile dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 20 e il sabato e la domenica dalle 10 alle 21. Non sono ancora disponibili informazioni sull’acquisto dei biglietti che dovrebbero avere un costo di 15€ per il biglietto intero, 12€ per quello ridotto, 10€ per i ragazzi dagli 8 ai 12 anni e 8€ per i bambini dai 4 agli 11 anni. Maggiori informazioni saranno disponibili sul sito ufficiale del Chiostro del Bramante.

Il Chiostro si trova in Via della Pace, a novanta metri da Piazza Navona. Il luogo della mostra è raggiungibile tramite i mezzi del trasporto pubblico cittadino. Dalla stazione Termini è possibile prendere l’autobus 64/46 e scendere alla fermata Chiesa Nuova o Corso Vittorio Emanuele. Dalla stazione Tiburtina, invece, l’autobus 492 scendendo alle fermate Zanardelli o Rinascimento. Dal Chiostro del Bramante (e viceversa) si possono raggiungere alcuni dei punti più belli della città come il Pantheon o Castel Sant’Angelo (entrambi a 9 minuti a piedi) o Fontana di Trevi (a 14 minuti a piedi).

 

Immagine in evidenza: thanks to musement.com

Scritto da Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments