in

Mercati rionali di Roma: 10 luoghi simbolo della romanità

Mercati rionali Roma

Nonostante l’avvento di supermercati e centri commerciali i mercati rionali continuano a essere una delle colonne portanti della città di Rona. Non solo come luoghi per lo shopping e l’acquisto di generi alimentari di prima necessità (specialmente frutta e verdura), ma anche come espressione genuina della romanità.

Conoscere e visitare questi luoghi, infatti, significa immergersi in realtà, da una parte, tipicamente romane nelle quali ascoltare il dialetto romanesco e respirare l’atmosfera tipica della città di Roma, ma dall’altra anche scoprire l’internazionalità culturale della città. Questo perché i mercati rionali hanno risentito delle comunità la cui presenza ha caratterizzato alcune zone di Roma. Inoltre scoprire dove si trovano i più importanti mercati rionali di Roma è l’occasione per visitare alcune delle piazze più belle e dei luoghi simbolo della città eterna.

I migliori 10 mercati rionali di Roma

A Roma sono più di trenta i mercati che quotidianamente e settimanalmente animano il commercio cittadino, ma alcuni di questi – 10 per la precisione – conservano un’identità particolare frutto anche della loro storia e posizione. Tra i migliori mercati rionali di Roma, infatti, troviamo:

  • Mercato centrale
  • Mercato di Campo de’ Fiori
  • Mercato rionale di Testaccio
  • Mercato rionale Nomentano
  • Mercato rionale Nuovo Esquilino
  • Mercato rionale Prati
  • Mercato rionale Trastevere
  • Mercato rionale Trieste
  • Mercato rionale Trionfale
  • Porta Portese

Anche il solo leggere questi nomi rievoca molti dei quartieri e dei rioni tipici della città, da scoprire per imparare a conoscere la parte più intima di Roma.

#1 Mercato centrale

Siamo vicino alla stazione Termini, quindi facilmente raggiungibile anche dai turisti, e parliamo di un mercato cronologicamente più recente rispetto a quelli più tradizionali, ma che da essi trae ispirazione. Il mercato centrale è un luogo coperto, all’interno di una galleria, dove trovare non solo negozi e botteghe, ma anche bar e ristoranti, grazie ai quali mangiare sul posto alcuni dei piatti tipici della gastronomia romana.

#2 Mercato di Campo de’ Fiori

Solo il nome evoca storia e fascino: il mercato di Campo de’ Fiori, infatti, è inserito in uno dei luoghi più centrali e noti della città, non solo per essere uno dei punti di ritrovo della movida romana. Questo è uno dei marcati storici della città dove ogni giorno poter trovare frutta e verdura di stagione, ma anche altri prodotti tipici.

#3 Mercato rionale di Testaccio

In uno dei quartieri più noti e popolari della città sorge il mercato rionale di Testaccio. Tra i motivi per cui visitare questo posto c’è la capacità di unire realtà più tradizionali a quelle più moderne, senza perdere il significato genuino della romanità. Il mercato rionale di Testaccio è un polo trasversale dove trovare sia stand gastronomici che quelli dedicati alla vendita di articoli di altra natura, senza dimenticare tutto il reparto dedicato ai laboratori, alle visite e alle degustazioni.

#4 Mercato rionale Nomentano

A differenza di altri mercati rionali quello Nomentano si trova all’interno di un palazzo. Qui è possibile non solo trovare banchi e stand con i prodotti freschi di giornata, ma visitare anche stand dedicati ai fiori e quelli nei quali mangiare direttamente sul posto alcuni dei più interessanti alimenti per un esclusivo street food romano.

#5 Mercato rionale Nuovo Esquilino

Uno dei migliori esempi di integrazione è quello del mercato rionale Nuovo Esquilino, che sorge in un quartiere dove la presenza di comunità cinesi (e non solo) è davvero molto forte e radicata. Per questo qui è possibile respirare una multietnicità davvero meravigliosa, sia nelle lingue e nei dialetti da ascoltare, ma anche nei prodotti che è possibile trovare provenienti da tantissimi diversi Paesi. Questo è il mercato per scoprire i prodotti gastronomici italiani così come quelli senegalesi, rumeni, bengalesi, cinesi e indiani.

#6 Mercato rionale Prati

Questo è uno dei marcati rionali coperti di Roma che sorge nella struttura costruita all’inizio del Novecento e caratterizzato da un interessante stile neoclassico. Anche qui è possibile trovare numerosi prodotti e generi alimentari, soprattutto quelli freschi e più genuini.

#7 Mercato rionale Trastevere

Il mercato rionale Trastevere, anche per il quartiere nel quale si trova, restituisce una delle pagine più genuine della città. Qui si trovano principalmente banchi alimentari con alcuni dei prodotti tipici della tradizione romana: dalle puntarelle ai carciofi, passando per i formaggi e le migliori carne della macelleria locale.

#8 Mercato rionale Trieste

Nel solco degli altri mercati rionali anche quello Trieste offre un’ampia e variegata selezione di stand, specialmente quelli dedicati ai generi alimentari, anche se non mancano quelli riservati ai capi d’abbigliamento, anche quelli usati perfetti per risparmiare.

#9 Mercato rionale Trionfale

In un altro dei luoghi centrali della città (a pochissimi passi dai Musei Vaticani) sorge il mercato rionale Trionfale. È uno dei più grandi di Roma, con circa trecento banchi, nei quali trovare davvero di tutto, dai generi alimentari all’abbigliamento, passando per i giochi per i bambini e gli articoli di merceria.

#10 Porta Portese

Il celebre mercato di Porta Portese, cantato anche nel celebre omonimo brano di Claudio Baglioni, è un luogo simbolo della città. È il luogo per eccellenza dove trovare rarità di qualsiasi tipo e genere, dall’abbigliamento agli articoli di collezionismo musicale (e non solo), passando per gioielli, monili e accessori. Il mercato di Porta Portese si tiene tutti i martedì, i giovedì, i venerdì e i sabato, dalle 5 della mattina e qui è davvero possibile capire cosa significa la città di Roma.

Scritto da Daniele Di Geronimo

Giornalista pubblicista e Copywriter. Da Roma non ho preso solo la provincia di nascita, ma anche l'amore e l'interesse per una città unica nel suo genere convinto che il meglio della sua storia possa (e debba) ancora essere vissuto e raccontato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.